[Note dell’editore: Questo è un blog scritto dal nostro ospite Rob Mayzes, produttore, mix engineer e fondatore di Home Studio Center, un sito ideato per offrire consigli a chiunque registri da casa].

Nella maggior parte dei generi musicali, i vocali sono la parte più importante del mix.

Al giorno d’oggi esistono molte tecniche per rendere un vocale moderno, curato e professionale, specialmente nel genere pop.

Non appena applicherai le seguenti tecniche, tutto il tuo mix migliorerà notevolmente.

1. DAI BOOST ALLA PARTE ALTA

Questo è forse il modo più semplice e veloce per far sembrare il tuo vocale molto curato e costoso.

La maggior parte dei microfoni professionali hanno un’estensione molto vasta. Quando invece usi un microfono dal prezzo più contenuto puoi semplicemente esaltare gli alti.

Il miglior modo per riprodurre tale estensione è ricorrere ad un equalizzatore analogico, come il Slick EQ che è, per altro, gratuito. Utilizza un ripiano alto e comincia con un 2dB boost a 10kHz.

Sperimenta con le frequenze e con i boost. Puoi scendere fino a 6kHz (ma mantienilo leggero) e incrementare fino a 5dB sopra i 10kHz. Assicurati solo che il suono non diventi troppo rigido o frammentato.

2. USA UN DE’ESSER

Quando inizi a incrementare l’estensione di un vocale, il suono potrebbe cominciare a sembrare più sibilante. Per contrastare il sibilo, puoi usare un de’esser.

Questi semplici strumenti sono un collante per mixare i vocali e sono necessari almeno nell’80% dei casi. Inoltre, trovo che funzionino meglio se inseriti da subito.

3. ELIMINA LE RISONANZE

Se stai registrando da una stanza poco adeguata purtroppo dovrai combattere con risonanze e eco. Trova le imperfezioni usando una tecnica di “boost-and-sweep” (amplifica e spazza) per rimuoverle con un taglio circoscritto.

4. CONTROLLA LE DINAMICHE CON L’AUTOMAZIONE

Per ottenere un suono moderno, le dinamiche dei vocali devono essere molto consistenti. Ogni parola e ogni sillaba deve essere più a meno allo stesso livello.

Nella maggior parte dei casi non è possibile raggiungere un suono omogeneo solamente tramite compressione. Usando un sistema di automazione, invece, potrai manualmente livellare i tuoi vocali.

Personalmente preferisco inserire l’automazione per creare consistenza fin dal principio, prima di usare il compressore. Ma una regolare automatizzazione può comunque dare un buon risultato.

5. GESTISCI I PICCHI CON UN LIMITER

Un’altra tecnica molto valida per controllare le dinamiche dei tuoi suoni è utilizzare un limitatore dopo la compressione.

Non devi andarci pesante (a meno che tu non voglia ottenere un suono altamente compresso). Punta ad un 2dB di riduzione solamente per i picchi più alti.

6. USA UNA COMPRESSIONE MULTIBANDA

Mentre i vocali si muovono tra i diversi registri, il tono della voce può cambiare. Per esempio: quando il vocale si muove a un registro più basso, la voce può cominciare a sembrare torbida.

Invece che utilizzare un equalizzatore e quindi eliminare le frequenze problematiche dall’intera performance, potresti optare per una compressione multibanda e controllare tali frequenze solamente quando necessario

Per qualsiasi problema di frequenza che appare solamente per certe parole o frasi, usa una compressione multibanda invece che un EQ.

7. VALORIZZA GLI ALTI TRAMITE SATURAZIONE

A volte un equalizzatore non è abbastanza per valorizzare l’estensione di un suono. Applicando una lieve saturazione puoi creare nuove armonie e aggiungere un po’ di …exiter!

8. OPTA PER UN EFFETTO DELAY INVECE CHE RIVERBERO

Per ottenere un suono moderno i vocali devono essere schietti e diretti. Un effetto di riverbero, quindi, non è consigliato in quanto provoca esattamente l’opposto.

Piuttosto usa uno “slapback delay” (ovvero una ripetizione riprodotta) per creare spazio attorno al vocale e aggiungere un po’ di apertura stereo.

Usa un feedback basso (0-10%) in un numero di volte leggermente diverso tra destra e sinistra. Trovo che un ritardo di 50-200ms funzioni meglio.

9. PROVA AD AGGIUNGERE UN SOTTILE PLATE REVERB

Se vuoi aggiungere spessore e profondità al tuo vocale, prova ad utilizzare un sottile plate reverb.

Devi far in modo che il riverbero non si noti, come ti ho spiegato prima; quindi aumenta la saturazione fin quando non inizi a sentire l’effetto di riverbero.

Inizia con il minor decay possibile e un 60ms di pre-ritardo per dare più definizione e spazio ai tuoi passaggi.

10. PROVA AD AGGIUNGERE UN LIEVE EFFETTO CHORUS

Un altro modo per dare un po’ di profondità al tuo vocale è aggiungere un lieve effetto chorus.

Ripeto, devi fare in modo che l’effetto non si noti. Aggiungi un effetto chorous al vocale e sporcalo finchè effettivamente non si nota troppo.

Conclusioni

I vocali sono estremamente importanti e richiederanno sempre maggior attenzione che il resto del tuo mix.

Ma grazie alle 10 tecniche che ti ho svelato in questo articolo sarai in grado di riprodurre un suono moderno e professionale.

La Nostra Playlist

Non Perderti Nulla

Iscriviti Alla Nostra Newsletter