Scritto da Cliff Goldmacher, tradotto da Giulio Marelli e Giorgia Oliva

“Chi viene prima: la musica o il testo?” Questa é la fatidica domanda che tutti gli autori/compositore si pongono. Per me, non esiste una risposta giusta o per lo meno semplice. Qualche volta è la musica e qualche volta è il testo, e, spesso, è semplicemente una mistica e organica combinazione di entrambi. Soprattutto, non esiste un metodo per scrivere una canzone. Detto questo, alcune delle più belle (o delle peggiori) canzoni mai scritte sono state create utilizzando delle tecniche simili. Per farvi capire meglio, vi spiego in 4 paragrafi 4 diversi modi di approccio per comporre una canzone, e preciserò alcune cose da fare (Sì) e da non fare (No) da tener sempre a mente.

  1. Iniziare dal titolo o dal ritornello

Avere già da subito una brillante idea per un titolo o un ritornello che spacca è un super inizio. Se ne hai uno, complimenti! In questo caso ecco qui alcuni suggerimenti da tenere in considerazione

Sì – assicurati che tutto il testo sia coerente al ritornello. Un buon ritornello funziona solo se è accompagnato da un testo che lo anticipa, in modo tale che quando il ritornello arriva, si scatena un drammatico sentimento di liberazione.

No – Tralasciare la sfera sentimentale della canzone. È possibile che, se si è troppo presi dal ritornello, ci si dimentichi di essere sinceri. In questo caso anche se l’ascoltatore medio non saprà dirti il perché, la canzone non riuscirà a smuovere in lui l’effetto emotivo che gli darebbe una canzone da un contenuto sentimentale vero e genuino.

  1. Iniziare dal concetto del testo

A volte capita di vivere un’esperienze particolare o di avere un’idea per una canzone per le quali sembra ne valga davvero la pena di scrivere. Questo é un altro buon punto di partenza.

Sì – Catturare i sentimenti e le emozioni del tuo concetto. Se sei convinto di essere in possesso di un’idea che può funzionare, allora immergiti completamente dentro questa storia e raccontala.

No – Rimanere troppo vago. Anche se non sei partito dal ritornello, devi comunque ricordare di ricondurre tutto il concetto del testo ad una frase che sintetizza l’intero testo. Questa frase ti verrà probabilmente in mente durante la scrittura del testo che sviluppa la tua idea. Una storia che non culmina con una frase riassuntiva potrebbe confondere i tuoi interlocutori e potresti così perdere la loro attenzione.  

  1. Iniziare da una melodia

Se invece sei un compositore melodico sarai confrontato ad altre sfide. Melodie armoniose e accattivanti sono perle rare e vanno trattate con un adeguato rispetto.

Sì – Rispetta la tua melodia e costruisci la composizione della canzone attorno ad essa. Ricorda, i tuoi fan si ricorderanno della melodia mooolto prima di ricordare il testo, quindi aver in mente una melodia non é una cosa da sottovalutare.

No – Trascurare il testo e scrivere frasi sconnesse e prive di significato. Una bella melodia è sicuramento una parte fondamentale della canzone, ma non é l’unica cosa importante. Non ci si può permettere di compromettere l’integrità del testo anche se si parte da una melodia forte. Ricorda, una canzone di successo è il risultato della perfetta e armoniosa fusione tra una melodia accattivante e un testo naturale.

  1. Iniziare da un riff di chitarra o una serie di accordi

Quando prendi in mano la chitarra o ti siedi di fronte ai tasti del piano, spesso capita di avere idee di progressioni di accordi, benissimo!

Sì – Immergiti negli accordi e esplora le sensazioni che ti danno, gli accordi potranno ispirarti l’universo sentimentale e melodico della tua canzone. Un buon groove é la prima cosa che i tuoi fan noteranno.

No – Non lavorare solo su quel riff o serie di accordi a scapito della melodia o del testo. Non é assolutamente il caso di diventare pigri, una serie di accordi rappresenta (nel maggior numero di generi) solo un arrangiamento e non costituisce l’intera canzone. Senza una vera melodia e un bel testo, é impossibile ottenere una canzone di qualità.

In Conclusione

Come lo dicevo all’inizio dell’articolo, non esiste un solo e unico modo per scrivere un brano. Raccomando caldamente di provare tutti modi di scrittura che vi vengono in mente. Spesso, da compositori, ci troviamo ad usare lo stesso metodo di lavoro, ma questa potrebbe essere un’arma a doppio taglio. Se da un lato potrebbe risultarsi vincente aumentando la tua produttività, alla lunga i vostri brani potrebbero risultare poco originali e non riflettere quello di cui siete capaci. Perché non uscire della vostra zona di sicurezza e provare qualcos’altro? Forse potrebbe dare buoni frutti.

Buona fortuna!

Tags:

La Nostra Playlist

Non Perderti Nulla

Iscriviti Alla Nostra Newsletter